ALBA DORIS: è nata una stella – Il mio nuovo pattern su Ravelry

il mondo di Ivan, Lane & Filati, Pattern, pattern, Tecniche della Maglia, Uncategorized

WP_20160128_14_54_25_Pro - Copia.jpg

[ITA] Alba Doris, il mio nuovo pattern è da oggi disponibile per il download su Ravelry, e in occasione del lancio dalle 18.00 di oggi 12 febbraio 2016, sino alle 23.59 di domenica 15 febbraio 2016 potrà essere scaricato con uno sconto del -50% utilizzando il codice promozionale VALENTINE.

[ENG] Alba Doris, my new pattern is now available for download on Ravelry, and for the launch from 6:00 p.m. of today February 12 2016, until 23:59 of Sunday February 15 2016 can be downloaded at a discount of -50% using the promotional code VALENTINE.

alba doris.jpg

[ITA] ALBA DORIS è un cappello, un modello ispirato allo stile delle grandi dive del cinema dei “Telefoni Bianchi” (anni ‘30 e ‘40). Insuperabile per eleganza ed intramontabile nella moda, un turbante semplice nella realizzazione ma reso accattivante e divertente da lavorare dal particolare motivo ad anelli incatenati.La lavorazione è semplice, si crea una sciarpa in senso orizzontale (quindi al contrario delle normali sciarpe, che in seguito viene incrociata sul davanti e cucita per ottenere il turbante. Perfetto sia per le più sofisticate sia per le sportive, il pattern è realizzato con il soffice SOAVIA di Borgo dé Pazzi.

[ENG]  ALBA DORIS is a hat inspired by the style of the great movie stars of the 30s and 40s. Unsurpassed elegance and timeless fashion, a turban with simple construction but catchy and fun to work on the particular motif “ring chained” cables. The pattern is worked flat, like a scarf, horizontally for them to more effective development of the “chained rings cable” motif. Once completed the scarf is twisted to Obtain a turban. Perfect for both the most sophisticated for  both sports, the pattern is made with soft SOAVIA Borgo de ‘Pazzi.

IL FICHU: uno scialle dalla costruzione interessante

Corsi e Work-Shop, Maglia, Pizzo Shetland, Tecniche della Maglia, Uncategorized

Amici ed amiche, domandandovi scusa per la mia assenza causa salute zoppicante (in questo momento il termometro segna ancora 37.8°C) eccomi di ritorno tra voi!
Oggi voglio raccontarvi qualcosa di nuovo a proposito di un progetto che sto creando.

1861

Il fichu è un accessorio femminile, punto d’incontro tra stola, scialle e scalda-cuore, che fu simbolo di estrema eleganza e immancabile oggetto di moda dalla seconda metà del 1700 sino alla fine del 1800.
Li possiamo spesso osservare, fatti soprattutto di leggerissimi pizzi o tulle ricamati dei quadri di illustri personalità di quei tempi, ma fu soprattutto in epoca napoleonica e successivamente in epoca vittoriana che questo particolare accessorio conobbe l’apice della sua fama e spesso veniva lavorato a maglia.
Esistono diverse versioni di fichu (come potrete notare nel disegno qui sotto ad esempio, sono elencate le 6 costruzioni principali), ognuna creata a seconda di come verrà indossato lo scialle una volta ultimato, ma il punto comune di ogni modello è che il fichu va annodato o incrociato sul davanti. Proprio come avviene nella costruzione di uno scialle tradizionale la forma viene data dalla giusta distribuzione degli aumenti che viene ottenuta dalla proporzione tra misure che si vogliono ottenere, il tipo di punto prescelto da utilizzare e naturalmente come sempre ferri e maglie presenti nel campione.
Map10009.psd.jpg

Il 5 marzo prossimo presso MisterLino a Parma porterò per la prima volta il mio corso MAGIE DI PUNTI TRAFORATI: LO SHETLAND LACE, durante la parte pratica del corso sarà proprio un modello in cui si incontrato pizzo shetland e fichu a farci da guida! Il Fichu che andremo a creare durante il workshop avrà una costruzione molto particolare, tipica dell’epoca vittoriana: partendo da tutte le maglie avviate per i nastri da annodare sul davanti e il collo, vengono distribuiti una serie di aumenti sulla parte del centro dietro; successivamente vengono chiuse le maglie di uno dei due nastri da annodare e si crea la banda a pizzo (completa di bordino) che viene a mano a mano agganciata sulla parte centrale [vi assicuro, è più semplice capirlo eseguendo lo scialle!]
Vi ho incuriosito…bene! Non perdetevi allora i prossimi post sulla mia pagina facebook!

Trecce perfette a Genova: Il mio prossimo corso

Aran, Conferenze, Corsi e Work-Shop, Lane & Filati, Maglia, Tecniche della Maglia, Uncategorized

Dopo il grande successo del primo workshop di gennaio da Unfilodì, il prossimo impegno che mi attende è nella mia regione di origine, la Liguria!

SABATO 23 GENNAIO sarò infatti ospite  presso il  laboratorio de LE LANIVENDOLE in Vico San Cristoforo 11 R a Genova (nei pressi di Via Balbi/Stazione P.Principe) con un doppio appuntamento:

ORE 10:00 CONFERENZA GRATUITA – (2,30 h circa) (iscrizione libera)

“GLI STILI DELLA MAGLIA ANGLOSASSONE: OVVERO QUELLO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE SULA MAGLIA ARAN, GANSEY , FAIR ISLE E PIZZO SHETLAND”

Per la seconda volta dopo il grande successo ottenuto a Parma, torna la mia conferenza di base, dove attraverso un viaggio tra le isole della Gran Bretagna si parte alla scoperta dei più famosi stili di maglia ai ferri dell’arcipelago, con nozioni tecniche, consigli e tante curiosità.

Alle 14.30 CORSO TECNICO (4 ore) ” IMPARARE A LAVORARE TRECCE PERFETTE”
Il corso sarà suddiviso in 3 parti di sempre crescente difficoltà. Nella prima parte analizzeremo la meccanica ed i grafici della lavorazione di torciglioni semplici su coste a maglia diritta. Nella seconda parte analizzeremo la meccanica e la creazione dei grafici di trecce più complesse, come quelle Aran, dove olòtre alle maglie diritte vengono spostate anche le maglie rovesce. Nella terza ed ultima parte analizzeremo le Trecce Vichinghe di Elsebeth Lavold (trecce dalla forma appuntita che nascono su base a maglia rovescia, QUI una mia recensione in merito apparsa su Maglia-Uncinetto) e piccoli trucchi per imparare a leggere i grafici delle trecce ed i pattern in inglese. Ad ogni partecipante verrà fornita una dispensa da connservare come promemoria per future lavorazioni!
PicMonkey Collage.jpg
PER INFO E PRENOTAZIONI
Lanivendole Italian Handspun Stories
email: filitrameecolori@gmail.com
email: info@lanivendole.com

Kephren, Il giorno del Faraone

Corsi e Work-Shop, il mondo di Ivan, Lane & Filati, Pattern, Tecniche della Maglia, Uncategorized

Amici ed amiche, gennaio è tornato; il che mi ricorda che oltre a dover pagare il canone RAI, si ricomincia dopo la breve pausa natalizia con i corsi e workshop!
Avrò l’onore di aprire la stagione corsi 2016 dalla cara amica Luisa presso la sua famosa knit-house Unfilodì il 9 gennaio prossimo con un workshop un po’ particolare!
Protagonisti del corso saranno ancora una volta i guanti a 5 dita, durante tutta la lezione teorica infatti insegnerò ai miei allievi ed allieve l’anatomia e la costruzione passo passo dei guanti per svelarne, come titola la dispensa che ho scritto, tutti i trucchi e i segreti per lavorarli.
Durante il pomeriggio saranno inoltre presentati in esclusiva da Unfilodì i miei due nuovi pattern KEPREN GUANTI e COLLO!
kephren
I Kephren Gloves sono un paio di caldissimi guanti dal design essenziale, elegante e regale. La costruzione anatomica del guanto a 5 dita è classica, bottom-up, ma reso particolare dalla lavorazione a punto rovescio, impreziosito sul dorso da una treccia molto particolare che prende ispirazione dai geroglifici egizi. Insieme a questi particolarissimi guanti presenterò in abbinato il Collare Kephren, un simpatico, particolare collo che prende ispirazione dai collari indossati dai Faraoni nell’antico Egitto, perfetto per essere indossato sotto giacche o maglioni con scollo a V, e soprattutto da abbinare agli omonimi guanti!
Il collo è lavorato top-down, in un unico pezzo, con una costruzione molto simile a quella dell’inizio di un maglione, impreziosito dal motivo a trecce geroglifiche nella parte alta, ed un “medaglione” sulla parte centrale bassa in cui propongo un motivo a “scarabeo sacro”.

Entrambi i pattern Kephren sono stati ideati per essere lavorati con due fiati straordinari e preziosi: La versione maschile in CAMEL di LaneCardate , la versione femminile i CASHMERE QUEEN di Shoppel Wolle.

Per info sul work-shop e prenotazioni potete visitare QUESTO LINK.
Per chi invece non potrà partecipare al corso, nessuna paura, entrambi i modelli saranno acquistabili sul mio Ravelry Store dal 15 gennaio 2016!

MODERN LACE KNITTING – Due grandiosi libri sul pizzo a maglia

Le recensioni di Ivan, Libri, Maglia, Tecniche della Maglia, Uncategorized, World Knitting

Da quando ho imparato a tenere in mano i ferri, ho sempre avuto due obbiettivi da raggiungere: il primo era arrivare a lavorare delle trecce Aran perfette (e direi di avercela fatta!), il secondo era arrivare a raggiungere il talento di mia nonna nella lavorazione del lace.

12341618_10153768778329521_3322912507276444799_n

Centrino lavorato da mia nonna con la tecnica del lace knitting su gioco di ferri

La lavorazione del pizzo a maglia, e non sto parlando di semplici trafori, ma veri e propri merletti lavorati ai ferri, è uno di quei tipi di lavoro che richiede dedizione, tecnica, buona manualità, e certamente per raggiungerle un ottimo libro didattico può essere utile! Due anche meglio!

A1BQ-FWeA8L._SL1500_

FIRST BOOK OF MODERN LACE KNITTING (Marianne Kinzel,  Dover Pubns – 1972) è da ormai 40 anni uno dei migliori testi didattici sulla lavorazione del lace (non a caso è stato ristampato più e più volte).
Il volume  è strutturato in 92 pagine e 4 capitoli ( Istruzioni di base, Istruzioni per lavorare i pizzi su due ferri, istruzioni per lavorare i pizzi in tondo e in ultimo lavorare schemi quadrati.)

Il libro mi ha colpito soprattutto per alcuni particolari molto curati dal’autrice: nella parte riguardante i ferri da utilizzare per la lavorazione del lace ad esempio c’è una piccola parte dedicata alle misure dei calibri dei ferri in acciaio per pizzo (che ai tempi in cui venne scritto il libro avevano delle misure particolari). Tutta la parte didattica è spiegata in un inglese semplicissimo e facilmente comprensibile, tenendo conto che prima di addentrarsi nel mondo del pizzo a maglia, è bene avere alle spalle un minimo di esperienza coi ferri. Ogni spiegazione è corredata di foto-tutorial in b/n molto chiari e semplici da seguire, ed inoltre (una chicca in più) le istruzioni per seguire i grafici dei vari lace presentati nel libro sono spiegate per knitter americani, inglesi, francesi e tedeschi!

12 pattern di centri, centrini e tovaglie sono presentati nella seconda parte del manuale, e malgrado siano passati 40 anni dalla loro stesura, conservano un fascino assolutamente moderno ed ancora attuale. Molti dei modelli presentati sono modulari, e quindi da finire a discrezione del/la knitter! Ogni pattern è spiegato passo passo molto semplicemente e presenta il grafico dettagliato del punto da utilizzare.

81rexu-HhpLSECOND BOOK OF MODERN LACE KNITTING (Marianne Kinzel,  Dover Pubns – 1973) è il passo successivo per diventare veri esperti nella lavorazione del pizzo ai ferri.

Il volume si sviluppa in 108 pagine e 5 capitoli, e approfondisce maggiormente lavorazione di moduli quadrati, rettangolari e ovali introducendo anche nuove tecniche di avvio e pizzi più complessi.
Curatissima e imperdibile tutta la parte legata al lavaggio e bloccaggio dei pizzi.
Oltre ad introdurre nuove forme da lavorare (come dicevo prima rettangoli e ovali), interessantissimo anche il III capitolo, incentrato tutto sulla lavorazione dei pizzi a maglia con filati di lana .
Anche qui come nel primo libro ritroviamo una eccellente parte didattica, corredata di fototutorial, ed altri 12 pattern tutti spiegati in modo chiaro, comprensibile e con grafici dei punti utilizzati

In conclusione posso dire che FIRST BOOK OF MODERN LACE KNITTING  e SECOND BOOK OF MODERN LACE KNITTING sono due vere e proprie bibbie della lavorazione a lace ai ferri che non possono mancare sullo scaffale del knitter che vuole osare sempre di più ed addentrarsi in questo mondo fatto di leggeri filati e trafori, gettati e diminuzioni complesse che vi avverto…crea dipendenza!