Il Piedino a Doppio Trasporto

La Macchina da Cucire ed i suoi segreti, Uncategorized

Amici ed amiche followers amanti del taglio e cucito eccoci arrivati al nono appuntamento con la nostra seguitissima rubrica “UN PIEDINO PER OGNI OCCASIONE“. Oggi partiremo insieme alla scoperta di un piedino che non è compreso nel KIT DI 32 PIEDINI UNIVERSALI della quale abbiamo trattato nei passati 8 appuntamenti, ma che è uno dei fondamentali piedini da aggiungere al nostro set: Il piedino a doppio trasporto . Il piedino che troverete cliccando il LINK è universale (proprio come per i piedini del Kit) e quindi adattabile alla maggior parte delle marche di macchine per cucire (Singer, Brother, Janome, Toyota, ecc…)

IL PIEDINO A DOPPIO TRASPORTO

231821803alt1

Questo piedino è molto voluminoso rispetto a tutti quelli che fino ad ora abbiamo visto, ed è indispensabile a tutti coloro che non avendo a disposizione una macchina con doppio trasporto automatico, si trovano a dover cucire tessuti particolarmente difficili o più strati di tessuto (anche con imbottitura) come avviene nel caso del patchwork e del quilting.
Il piedino a doppio trasporto deve essere avvitato al posto del gambo sulla barra dell’ago. La parte inferiore del piede  si presenta come quella del piedino standard, ma presenta sui  lati due scanalature attraverso la quale passano due griffe di trasporto (che possono essere in plastica o metallo), azionate tramite la leva posizionata sopra o intorno alla barra dell’ago.

Questa leva, sollevandosi e abbassandosi con il movimento della barra dell’ago stessa, fa “camminare” le griffe del piedino insieme con le griffe inferiori di trasporto  della macchina da cucire, spostando quindi sotto il piede stesso i vari strati di tessuto o il tessuto elastico uniformemente,  che altrimenti non risulterebbero cuciti in modo preciso.

Nel piedino inoltre è possibile inserire una barra di metalli inclinata che permette di regolare con precisione la distanza tra una cucitura e l’altra.

Per meglio comprendere il funzionamento di questo piedino, di seguito troverete un video-tutorial della Singer!

LE CALZE: e tu che tallone e punta vuoi?

Maglia, Tecniche della Maglia

tainas-kannanottoja

Una delle prime cose che imparai a lavorare a maglia furono proprio le calze. Ricordo che uno dei tanti pomeriggi a casa con mia nonna Angela, seduti attorno al tavolo della sala, le mi mise in mano il mio primo gioco di ferri, un gomitolo di lana gialla, e mi spiegò per la prima volta come si lavorasse in circolare. Arrivati all’altezza del tallone mi prese il panico, ma lei come sempre pazientemente mi disse “niente paura, non è affatto difficile, basta semplicemente formare un angolo”…Ed in effetti è davvero così!

Anatomia delle calze: la prima con tallone lavorato a ferri accorciati, la seconda con tassello.

Anatomia delle calze: la prima con tallone lavorato a ferri accorciati, la seconda con tassello.

Lavorare una calza è simile per certi versi a lavorare una manica, si crea una lavorazione tubolare che “si piega ad angolo” formando il tallone, ed infine chiusa con una serie di diminuzioni in punta.
La prima decisione da prendere quando decidiamo di lavorare una calza è se lavorarla cuff-down, dal bordino alla punta in top-down oppure in toe-up, ovvero dalla punta a salire. La seconda importante decisione da prendere è quale tipo di tallone e quale tipo di punta scegliere, perchè a seconda del tipo di vestibilità, di “look” che vogliamo ottenere o dal nostro livello di capacità a lavorare a maglia abbiamo davanti a noi molteplici opzioni!
Ecco quindi perché ho deciso in questo articolo di presentarvi un mio nuovo progetto: una rubrica simile a “UN PIEDINO PER OGNI OCCASIONE” tutta dedicata alla lavorazione di punte e talloni delle calze! Periodicamente verranno pubblicati gli articoli che verranno a mano a mano nella lista sottostante (come se fosse un indice) per facilitarne di volta in volta la consultazione! In alcuni articoli mi permetterò di suggerirvi anche alcuni testi utili per imparare al meglio la lavorazione delle calze!

TALLONI

  • Short Rows Heel (tallone a ferri accorciati)
  • German Strap Heel
  • V-Heel
  • French Heel
  • Dutch Heel
  • Fish Lips Heel
  • Sweet Tomato Heel
  • Crystal Heel
  • Hat Heel
  • Non-Stop Heel

PUNTE

  • Paired decrease Toes (punte classiche a diminuzioni pareggiate)
  • Horizontal band toe
  • Star Toes
  • Spiral Toes
  • Flower Toes
  • Propeller Toes
  • Cat’s Moccassin Toe

DUE LIBRI CONSIGLIATI AI PRINCIPIANTI

51QKn1aUdlL 61IrtxvYtsL

Se con questo articolo vi siete incuriositi, vorreste tentare di realizzare il vostro primo paio di calze, ma siete timorosi perché ancora principiati del lavoro a maglia THE SOCK KNITTER’S WOR KSHOP (Ewa Jostes e Stephanie Van Der Linden, Clarkson Potter Ed. -2010) e GETTING STARTED KNITTING SOCKS (Ann Budd, Interweave Pr – 2007) sono i libri che fanno al caso vostro!
Il primo è un vero e proprio work-shop, ovvero un corso, che parte dalle basi e guida passo passo il knitter alla scoperta del modo per lavorare al meglio le calze con un sacco di nozioni interssanti, il secondo manuale, come tutti i libri di Ann Budd, è un prezioso alleato per imparare a lavorare calze basiche sviluppandole in multitaglia! 

I Piedini Orlatori (Stretto e Arrotolato)

La Macchina da Cucire ed i suoi segreti, Taglio e Cucito

Benvenuti e benvenute al 6* appuntamento della nostra rubrica “Un piedino per ogni occasione“, ormai seguitissima tra tutti e tutte voi che amate scoprire sempre cose nuove per aumentare il potenziale delle nostre macchine da cucire e taglia-cuci!
Oggi ci addentriamo nel mondo degli orli ed impareremo caratteristiche e utilizzo di alcuni piedini davvero importanti da avere nel nostro kit!
Ricordo inoltre che molti dei piedini recensiti in questa mia rubrica sono disponibili all’acquisto in un comodo kit di 32 pezzi ad un ottimo prezzo su Amazon!

1412

I Piedini Orlatori

Il piedino si presenta con una punta angolata, sulla parte superioren troviamo una spirale metallica che ripiega la stoffa due volte e la tiene unita fino alla scanalatura attraverso la guida posta nella soletta (parte inferiore del piedino).
Esistono varie misure di questa spirale per questo particolare piedino a seconda del tessuto che andiamo a cucire: 1 – 2 mm per orli a conchiglia o arrotolati su tessuti leggeri, 4 – 6 mm per orli stretti o arrotolati, con una cucitura robusta e che grazie alla doppia piegatura non sfrangerà.

Questo piedino viene utilizzato moltissimo in ambito sartoriale per la creazione di abiti, orli di foulard ma può essere impiegato anche per l’applicazione di pizzi e piccole bordure, o per rivestire cordoncini in assenza dell’apposito piedino.

L’utilizzo del piedino orlatore non sempre da risultati perfetti al primo colpo, è necessario infatti per ottenere ottimi risultati esercitarsi ed acquisire una certa manualità, ma come dico sempre armandosi di santa pazienza, nulla è impossibile. Nel Video sottostante, come sempre, potrete vedere la messa in opera del piedino

Asole per tutti i gusti!

La Macchina da Cucire ed i suoi segreti, Taglio e Cucito

1338234048_1292066348_3 (2)

Avete mai fatto caso, soprattutto quelle/i di voi che hanno una macchina da cucire elettronica o ricamatrice, quanti tipi di asola diversa esistono?
La scorsa settimana vi ho parato del piedino per realizzarle, oggi andiamo quindi a trattare questo breve (ma importante, a mio avviso) piccolo approfondimento sul mondo delle asole.

Nella tabella sottostante vi elencherò diversi tipi di asola presenti sulla maggior parte delle macchine da cucire elettroniche con il rispettivo disegno di riconoscimento e l’utilità a seconda del tipo di modello e del tessuto che ci troviamo a lavorare. Le linee guida che vi fornisco sono puramente esemplificative, ed a seconda della marca della macchina da cucire possono variare i simboli di riferimento.

SIMBOLO NOME UTILIZZO
 stitch-861_buttonhole Asola Standard

Ad uno o quattro tempi (a seconda del modello della macchina)
Si adatta a tutti i tipi di tessuto

 image-0003 (4)

Asola a travetta larga

Per tessuti medi e pesanti, o bottoni particolarmente larghi. Ampio spazio di taglio

 image-0003 (5) Asola arrotodata

Tutti i tipi di tessuto, particolarmente adatta ad abiti per bambini e bluse

 image-0003 (6)

Asola Rinforzata

Adatta tessuti di medio peso, molto resistente

 image-0003 (7)

Asola “Heirloom”

Da un risultato finale simile all’asola artigianale fatta a mano, soprattutto se realizzata con filo doppiato o cordonetto. Su alcune macchine la possiamo trovare anche in versione arrotondata per tessuti molto leggeri.
 stitch-807_buttonhole_dress_key

Asola a Goccia

Con una parte squadrata e l’altra estremità tondeggiante è particolarmente adatta a camicie, gonne, soprabiti, giacche e articoli di sartoria
 image-0003 (8)

Asola super-rinforzata

Con punti rinforzati sia sulle travette verticali che orizzontali, adattissima per tessuti molto pesanti o abiti da lavoro

 image-0003 (10) Asola per Pelle Adatta per confezionare occhielli su tessuti di pelle o ecopelle
 image-0003 (12)

Asola profilata

Per asole profilate e risultati molto eleganti su capi di sartoria

Il Piedino per Asole

La Macchina da Cucire ed i suoi segreti, Taglio e Cucito

Ciao a tutti e benvenuti al nostro quinto articolo sul mondo dei piedini per macchina da cucire e taglia-cuci! Dopo aver trattato negli scorsi articoli, il piedino per bottoni, passiamo oggi alla scoperta del suo cugino più prossimo:

30505-pict0740IL PIEDINO PER ASOLE è un piedino indispensabile da avere nel nostro kit, e praticamente ogni macchina da cucire moderna che acquistiamo lo ha in dotazione!
Si tratta di un piedino molto lungo, spesso in plastica bianca, con un grande spazio aperto centrale, ed un “carrellino” mobile dove troviamo l’attacco a incastro, per permettere la formazione dell’occhiello o dell’asola sul tessuto che stiamo trattando.
Lo possiamo trovare in due tipologie: il piedino asolatore a scorrimento (quello più piccolo a sinistra nell’immagine) ed il piedino asolatore automatico (a destra, più lungo del primo).
IL PIEDINO A SCORRIMENTO lavora con tutte quelle macchine che hanno la funzione “asola in 4 movimenti”. Dobbiamo precedentemente prendere la misura del bottone, riportarla sulla stoffa con la nostra matita o pennarello cancellabile in acqua, posizioniamo poi la stoffa sotto il piedino, e prendiamo sullo stesso la misura di partenza grazie alle tacche che troviamo sulla parte superiore del piedino. Procediamo dunque alla cucitura dell’asola nei quattro passaggi e poi apriamola con il taglia-asole. (Per capire meglio i vari passaggi guardate il video seguente)

IL PIEDINO ASOLATORE AUTOMATICO invece è un molto più semplice da utilizzare, ed è quel piedino che troviamo in dotazione alle macchine da cucire che hanno una o più asole ad 1 tempo (ovvero automatiche). Nella parte posteriore del piedino troviamo un braccetto nella quale inserire il bottone che abbiamo deciso di utilizzare per il nostro lavoro, e la macchina, una volta impostata il tipo di asola che vogliamo realizzare, la cucirà in un solo passaggio, e sempre identica, mantenendo la misura del bottone come riferimento.
(Per capire meglio i vari passaggi guardate il video seguente)